Post in evidenza

luna (Gëzim Hajdari)

Luna, è fuggita anche questa stagione senza un bacio nella notte bianca. Cielo, è passato anche quest’anno senza una ragione, con la...

domenica 28 luglio 2013

viaggio

Spesso quando ho bisogno di consolidare certe idee, certi concetti, mi metto in movimento. Devo allontanarmi dal centro. Ho bisogno di mettere spazio - e quindi tempo - tra le cose pensate. Devo vederle da altre angolazioni; devo capire se girando attorno a certi concetti, a certe scelte possibili si nasconde qualcosa che non avevo valutato oppure ci sono aspetti che non erano stati considerati.

A volte mi basta rimanere seduto. Invece altre volte ho proprio bisogno di macinare chilometri. Le idee si puliscono, si asciugano e spesso resta quel che cercavo; a volte rimane l'essenziale. Non sempre è ciò che mi aspettavo, ma so che è sicuramente qualcosa di molto più vero e autentico di pensieri sedimentati e avvolti ormai solo su se stessi.

A volte sono viaggi programmati. A volte sono occasioni che si presentano, piuttosto inaspettatamente. Possono essere di poche ore, oppure di qualche giorno, ma il loro segreto motivo è lo stesso: ricercare la pulizia di certi pensieri.

Nell'ultima settimana ne ho fatto uno da cui ho imparato molto. Mi sono ritrovato con una foto nitida di ciò che sono e che amo. Senza filtri e senza alterazioni.

Il resto, ora, è (dovrebbe essere) facile.


Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone. 
John Steinbeck

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento