Post in evidenza

luna (Gëzim Hajdari)

Luna, è fuggita anche questa stagione senza un bacio nella notte bianca. Cielo, è passato anche quest’anno senza una ragione, con la...

mercoledì 6 novembre 2013

aria da capo (Gould esegue Bach)

Uno dei regali più belli che ho mai ricevuto è stato una coppia di CD. Mio fratello mi comprò le esecuzioni delle Variazioni Goldberg BWV 988 di J. S. Bach eseguite da G. Gould.Le esecuzioni erano una del 1955,  l'altra del 1981 rimasterizzate per l'occasione dalla Sony.
La prima è questa (l'aria è il secondo brano).

La seconda invece è questa.

Ascoltandole di seguito si sente il racconto che fa Gould della sua vita. Il suono diventa con l'età più rarefatto ma non è triste. Si sente la consapevolezza del tempo passato e di una maturità che sottrae al suono per avvicinarsi, forse, all'idea stessa di suono. La prima esecuzione ci parla di un giovane che vuole conquistare il mondo, la seconda porta con sè lo sguardo di chi sa che i giorni stanno per finire e si affida all'arte per andare verso l'oscuro.

Sublime.

Buon ascolto.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento