Post in evidenza

luna (Gëzim Hajdari)

Luna, è fuggita anche questa stagione senza un bacio nella notte bianca. Cielo, è passato anche quest’anno senza una ragione, con la...

mercoledì 10 giugno 2015

fine corso

Ogni anno per circa tre mesi e mezzo si ripete la stessa cosa.
Sono mesi in cui ho praticamente lezione ogni mattina, due o quattro ore; il pomeriggio è dedicato alla preparazione delle lezioni, alle decisioni su come impostare gli argomenti, alla definizione di eventuali esercizi ed alla loro correzione.

Un'immersione totale nella didattica e nei metodi della didattica.
Poi arriva il giorno come questo, in cui si chiudono i corsi. Guardo le coorti (le chiamano così adesso) a cui ho fatto lezione e comincio a farmi le stesse domande.

Avranno capito qualcosa ? 
Sarò stato in grado di porre bene i concetti più difficili ?
Avranno ben chiaro lo sviluppo complessivo degli argomenti ? 
E gli esercizi saranno stati sufficienti a esplicitarne gli aspetti più complicati ?

Mi lascio la porta alle spalle ed esco dall'aulario con il mio carico di domande.

So bene che dei buoni risultati d'esame non garantiscono nulla in termini di crescita umana e professionale: sono stato studente anch'io. So bene che i formulari sul docente per come e quando vengono somministrati non hanno molto valore, nel bene e nel male: i giudizi devono essere dati al tempo e nel modo giusto.
So bene che ci sono cose che non possono essere misurate sempre e comunque. Come ad esempio la maturazione di un gruppo di ragazzi rispetto a certe discipline: questa potrà dare frutti (ed essere valutata) molto più avanti ed è lì che si capirà se e quanto sono stato capace di trasferire certe conoscenze e di far 'appassionare' su certi temi.

L'università dovrebbe allenare il pensiero e non (o non soltanto) fornire procedure e percorsi pre-confezionati.

Mentre raggiungo il mio studio faccio un viale abbastanza lungo. Incontro un gruppo di studenti. Mi sorridono e sono ricambiati. 

Forse anche quest'anno sono riuscito a fare qualcosa di buono.





Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento