Post in evidenza

luna (Gëzim Hajdari)

Luna, è fuggita anche questa stagione senza un bacio nella notte bianca. Cielo, è passato anche quest’anno senza una ragione, con la...

domenica 5 maggio 2013

parlo dunque sono (a. moro)

La linguistica è una una disciplina affascinante. L'ho sempre pensato ma non ho mai avuto il tempo di approfondire nulla. Grazie a twitter, che ormai è il mio pusher di contenuti, scopro e seguo Andrea Moro e il suo libro "Parlo dunque sono".
Una trattazione che ho trovato di livello elevatissimo.

I vari capitoli sono presentati come istantanee, come un album di fotografie che non hanno quindi la pretesa di raccontare tutto, ma che rappresentano e definiscono i punti fondamentali e gli snodi critici.

Un viaggio nel tempo, nella storia e soprattutto nell'evoluzione del pensiero umano grazie al quale dalle lingue e i linguaggi si arriva ben presto alla matematica, alla fisica, alla musica, alla biologia, alla logica, alla letteratura, alla poesia e alla (bio)neurologia.

Si percepisce, sullo sfondo, questa visione unitaria - meravigliosa - del pensiero umano,  dove le barriere interdisciplinari vengono abbassate se non abbattute e ed emerge l'immagine di un uomo che è in quanto capace di parlare.

Ogni istantanea (sono 17 in tutto) ruota attorno ad una figura.  Le voci di Cartesio, Russell, Aristotele, Platone . . .  sono rese sincroniche, come se il lettore le stesse riascoltando, avendole tutte di fronte a sè in un immaginario convegno sull'uomo e per l'uomo.

L'istantanea #16 (N. Jerne), da sola, vale l'intero lavoro.

Un libro che ho trovato perfettamente allineato con le qualità del millennio definite da Calvino nelle Lezioni Americane.
Un libro che apre orizzonti e guarda lontano, in ogni direzione, pur rimanendo leggero: un aquilone, in buona sostanza.


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento