Post in evidenza

luna (Gëzim Hajdari)

Luna, è fuggita anche questa stagione senza un bacio nella notte bianca. Cielo, è passato anche quest’anno senza una ragione, con la...

mercoledì 20 marzo 2013

la pirdunanza (v. ciminiello)

Mi sembrava giusto leggere questo libro nei giorni di Quaresima, in prossimità delle celebrazioni della Settimana Santa.
La Pirdunanza è la storia di un suicidio che poi si svela essere un omicidio: è apparentemente un giallo, ma in realtà cela molte possibili letture, come tutti i libri ben riusciti.

È un affresco sulla Sicilia degli anni '50 e di gran parte del nostro Meridione dove riti arcaici si intersecavano, ancora per poco, con la civiltà contadina. In questi riti arcaici il Cristianesimo era prepotentemente entrato a dettare certi tempi, a dare quasi un ritmo alle esistenze. La Pirdunanza è appunto uno di questi riti della Pasqua.

È una fotografia dei contrasti sociali che si iniziano a palesare e soprattutto della perdita irrimediabile di antiche letterature tramandate ancora oralmente. La figura del carabiniere è bellissima.

È anche un leggero saggio filosofico sul peccato, sulla ragione, sulla scienza e sulla fede. Temi appena accennati, certo, ma presenti.

Libro scritto in forma barocca, con dovizia di descrizioni e particolari. Ma in una forma che è leggera, mai noiosa. Ci si sente al centro della vicenda con la giusta curiosità verso le cose, le persone e i sentimenti.

Un libro nel quale si giudica raramente. Il narratore e il suo alter-ego, pur non disdegnando prese di posizione chiare nei confronti dell'autorità, delle ipocrisie sociali, e un malinteso senso del peccato, osservano gli eventi con la consapevolezza fondamentale che il rispetto, per sé e reciproco, può essere una guida fondamentale. Una pietas che non diventa mai accondiscendenza.

"la verità a volte nel venire a galla preferisce farsi precedere dall'errore, per accrescere nell'attesa il suo già inestimabile valore"

Buona Lettura

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento